I 5 LATI POSITIVI DELLE LEZIONI ONLINE

Gestire una lezione on line non è facile, reinventarsi un lavoro che si basa sul contatto e trasformarlo in telematico è una sfida non da poco. Ma noi siamo sportivi e le sfide fanno parte del nostro essere, lo sappiamo bene noi, pionieri del cheerleading italiano, che ci siamo buttati a capofitto e abbiamo fondato la nostra carriera su l’insegnamento di uno sport minore e pure sconosciuto. Noi siamo sportivi e lo sport ci insegna a non mollare, a giocare quando il gioco si fa duro, a testarci di fronte alle difficoltà.

La mia stima va dunque a tutti i coach che hanno saputo cogliere questa situazione come opportunità di crescita; nel mio piccolo ho deciso di non piangermi addosso ed agire, cercando di cogliere i lati positivi del momento e di non lasciare gli atleti senza il loro sport. Speravo di non dover più accedere a Zoom e Meet dopo lo scorso lockdown, ma invece eccoci qui! E questi sono gli aspetti positivi che ho riscontrato:

  • Le lezioni on line danno l’opportunità di concentrarsi su aspetti a cui dedicare tempo risulta più difficile, in palestra: lo stretching e la mobilità! Chi insegna cheerleading lo sa bene, il cheer è uno sport ampio e ricco, ci sono tantissimi aspetti ai quali dedicarsi e finalmente ora abbiamo il tempo per approfondire la parte di allungamento, aspetto fondamentale per lo sviluppo fisico, e delle altre qualità motorie, oltre alla prevenzione degli infortuni.
  • Gli atleti non saranno molto felici, ma altro aspetto che da coach sto apprezzando di queste lezioni online è l’opportunità di far fare tantissimo potenziamento ai ragazzi.
    Non potendo far stunt, abbiamo lezioni intere da dedicare alla costruzione del fisico che poi ci servirà in palestra, quando ci ricapita?
  • Back to basic! In queste lezioni si ha l’opportunità di ripetere allo sfinimento le basi: da quelle della postura, alle arm motion, ai conteggi, salti ecc.
    Questo è un aspetto che nella costruzione della perfezione del gesto atletico non va mai sottovalutato e gioca un ruolo fondamentale: nelle progressioni, in palestra, presi dall’”andare avanti” non si ha sempre l’occasione di ripetere le basi tutte le volte necessarie.
  • Se si riesce a catturare l’attenzione dei ragazzi si ha la sicurezza che per tutta la durata della lezione gli atleti saranno concentrati, senza distrazioni, senza chiacchiere, senza il compagno che distrae gli altri, senza perdere tempo ad allacciarsi scarpe, interruzioni per andare in bagno, ritardi.
    Connessione permettendo, le lezioni filano lisce. Così, lo scopo sportivo che si pone il coach per i suoi atleti viene centrato senza troppe complicazioni esterne.
  • Emergono i veri appassionati. Le lezioni online non hanno lo stesso appeal di quelle in palestra: coloro che decidono comunque di seguirle sono i veri eroi dello sport, chi è presente on line dà il monito del suo attaccamento alla squadra, fiducia nel coach e dedizione al cheerleading. Chi decide di passare un’ora, un’ora e mezza/2/3 alla settimana a tenersi in forma con i propri compagni invece di stare sdraiati sul divano a guardare una puntata su Netflix fa capire di che pasta è fatto.

Nell’attesa che l’emergenza passi, alla Neon continuiamo ad allenarci e facciamo in modo che queste lezioni online tornino utili una volta in palestra.

MAI MOLLARE,

prima o dopo vincerà chi non ha mai mollato e ci ha creduto di più, nello sport e nella vita.

Valentina